Giulia Grasso

Ingegneri e traduttori: traduzioni tecniche a quattro mani

 

 

 

 

Le traduzioni nell’ambito delle applicazioni elettromeccaniche costituiscono “letteralmente” la forza motrice alla base dello sviluppo tecnologico della società moderna.

In questo campo, così altamente tecnico, la figura del linguista esperto necessita di un affiancamento da parte di un professionista del settore, che vanta alle spalle un percorso settoriale tale da garantire l’accuratezza e la coerenza del testo tradotto.

Il traduttore sceglie le proprie specializzazioni e, per etica professionale, sceglie un professionista del settore in grado di dissipare dubbi, fornire chiarimenti preziosi alla comprensione dei disegni tecnici o riferimenti utili per approfondimenti. Quindi, risulta necessaria una competenza duplice, ovvero tecnica e linguistica: soltanto un processo di traduzione integrato linguista-ingegnere va effettivamente in questa direzione.

Saper fare networking, ovvero saper scegliere il proprio partner in un determinato settore, si configura la scelta vincente in quanto significa aderire integralmente al principio di qualità. In poche parole, l’unione fa la forza!

E allora quali sono le competenze e le conoscenze necessarie alla coppia linguista-ingegnere per garantire una traduzione di qualità?

Interesse genuino verso la materia oggetto della traduzione

Giulia Grasso traduttrice inglese traduttrice tedescoQuesto è il presupposto primario di una traduzione in ambito tecnico (in questo caso, nell’ambito delle applicazioni elettromeccaniche). Scegliere come specializzazione l’ambito tecnico significa avere a che fare con testi estremamente complessi, talvolta oscuri in alcuni passaggi concettuali di fondamentale importanza, corredati da disegni tecnici anch’essi da tradurre, con tutte le difficoltà del caso! Senza un vero e proprio interesse personale per “come sono costruite le cose”, risulta difficile portare a termine una traduzione di qualità in questo campo. È quindi la passione a giocare un ruolo preponderante (come in tutti gli ambiti, d’altronde).

Competenze terminologiche e sintattiche

A questo proposito, il traduttore tecnico professionista e l’ingegnere di riferimento hanno molto in comune:

  • Entrambi conoscono la terminologia in uso nei sottosettori di specializzazione e dispongono di glossari e banche dati costantemente aggiornati;
  • Entrambi sono consapevoli che, nella maggior parte dei casi, non si tratta soltanto di disporre di banche dati terminologiche con traducenti pronti da trascrivere nel testo finale. A una prima interpretazione superficiale, infatti, i testi tecnici possono apparire come una semplice ricerca di traducenti (in parole semplici, a un termine tecnico in lingua straniera corrisponde un termine tecnico in italiano), ma in realtà, il lavoro più arduo consiste nel comprendere appieno i concetti celati dietro i termini, ovvero i passaggi, le sequenze, i fenomeni e i meccanismi di funzionamento Inoltre, una delle insidie maggiori in cui può incorrere il traduttore è replicare la sintassi della lingua di partenza, producendo così calchi sintattici che causano un impoverimento della resa e una scarsa fruibilità del testo di arrivo;
  • Infine, entrambi seguono corsi di aggiornamento di redazione tecnica.

 

Gestione del tempo e pianificazione

Quando si collabora a un progetto, va da sé che una delineazione chiara delle fasi di gestione del processo traduttivo è di fondamentale importanza. Dopo una prima fase di ricerca di materiale (in primis testi paralleli, bibliografia di riferimento, approfondimenti tematici) inizia il divertimento: la traduzione vera e propria, un certosino lavoro a “quattro mani” con l’ingegnere di riferimento per risolvere qualsivoglia dubbio inerente i concetti ingegneristici. Segue il processo di revisione, durante il quale si succedono innumerevoli controlli (a livello ortografico, terminologico, concettuale, di leggibilità etc.) atti a verificare la fruibilità del testo di arrivo nel suo complesso.

Buona collaborazione e buona traduzione!

 

Giulia Grasso

 

Condividi...